Regionali, Di Maio stoppa Dalila Nesci: "Sa che non si può candidare"

dimaio14mag''Non ho segnali di altre uscite, ma voglio dire che certi comportamenti non sono tollerabili. Sabato ho sentito in conference call gli avvocati del M5S, e abbiamo deciso di chiedere a chi è uscito i soldi delle restituzioni non effettuate e quelle per gli anni che passeranno in un'altra forza politica. Per esempio anche a Silvia Vono (la senatrice passata con Renzi, ndr), che non restituiva da ottobre. Questi parlamentari hanno firmato un contratto e devono rispettarlo''. Lo afferma Luigi Di Maio in un colloquio con il 'Fatto quotidiano'.

Quanto alla deputata Dalila Nesci che ha annunciato di volersi candidare a governatore della Calabria, Di Maio rileva: ''Dalila è intelligente, e sa che non si può fare. Abbiamo delle regole e vanno rispettate. Non esistono deroghe. Ho visto questa Carta di Firenze (stilata da dissidenti, ndr): il problema non è l'iniziativa in sé, ma l'utilizzo improprio del simbolo. Non posso tollerarlo, altrimenti si crea un precedente". Sull'Umbria, invece, ''Bianconi è bravissimo, ci ha cercato lui ed è il perfetto candidato per un patto civico''. Un candidato di destra... ''Ha votato per un candidato sindaco di destra, ma questo conferma che è post-ideologico, cioè che va benissimo. Mi aspetto che tutto il governo partecipi alla campagna elettorale e sono lieto che anche Conte abbia dato la sua disponibilità''.